Anteprima USA 10/09/14 – Prima Parte

Anche questa settimana vi presentiamo alcuni degli albi in uscita questa settimana negli States.

MARVEL COMICS

Empire of The Dead: Act Two #1: George A. Romero (testi), Dalibor Talajic (matite).

Bentornati a New York anni dopo che un’invasione zombie ha cambiato il mondo. Cos’è la cosa peggiore? I vaganti mangiatori di carne che sembrano diventare più intelligenti ogni giorno che passa, i vampiri che lottano per mantenere il potere, oppure l’Esercito del Sud intenzionato a saccheggiare la più grande città del mondo?

The Death of Wolverine #2:Charles Soule (testi), Steve McNiven (matite, Jay Leisten (chine), Justin Ponsor (colori).

L’inizio della fine… la morte di Wolverine! La perdita del fattore rigenerante porta ad uno degli eventi più importanti degli ultimi anni per un membro degli X-Men. Logan per più di un secolo è stato il migliore in quello che faceva, è stato un guerriero, un eroe, un rinnegato, un samurai, un insegnante e molto altro, ma ora dovrà interpretare un ruolo che non ha mai interpretato prima.

DYNAMITE ENTERTAINMENT

Termina Hero #2: Peter Milligan (testi), Piotr Kowalski (matite).

Rory ha sempre pensato di essere un brav’uomo, ma questo molto tempo fa. Ancora scosso dai terribili effetti collaterali del Trattamento Q e dal fatto di aver ucciso il suo migliore amico, La vita di Rory ora prende una piega ancora più scura e più complicata quando è avvicinato da due membri dei servizi segreti britannici. Dopo uno strano incontro con un uomo che ha sviluppato il Trattamento Q Rory cerca disperatamente di sfuggire dalla nuova vita violenta che è costretto a condurre. Ma sarà lui a pagarne il prezzo?

DARK HORSE COMICS

Prometheus: Fire and Stone #1: Paul Tobin (testi), Juan Ferreyra (matite).

Quando la nave spaziale Prometheus non fa ritorno dal suo viaggio verso LV-223 la domanda a proposito delle origini dell’uomo rimane senza risposta. Ora un nuovo team di esploratori cerca di scoprire l’oscuro mistero che cela non solo la sorte della prima missione, ma forse la loro stessa dannazione.

 

FacebookTwitterGoogle+Condividi